Crea sito

LA GRANDE DISCOVERY E' IN RETE SULLA PIATTAFORMA E SUI SOCIAL

LA GRANDE DISCOVERY IL CASO PAOLO FERRARO ANCORA APERTO E LE SORTI DELLO STATO. 
La grande discovery, un'inchiesta circostanziata e corredata da un concreto impianto probatorio attraverso cui si delinea il quadro diuna occupazione sistematica dei gangli vitali delle istituzioni da parte di organizzazioni deviate incistate nel cuore dello Stato e nelle sue articolazioni. Ruoli, metodologie, strumenti e tecniche vengono messi a nudo così come messi a nudo protagonisti e una dimensione strategica ignota prima. Il metodo  scientifico ed il ruolo di un apparato segreto oggetto di geloso occultamento,  trasversale e partecipato da alcuni magistrati, psichiatri, alti ufficiali e sottoufficiali, avvocati e qualche politico eminente ed i collegamenti internazionali necessari emergono dettagliatamente con prove dirette ( audio video audio registrazioni tra presenti e di telefonate) . IL CASO PAOLO FERRARO utilizzato come pietra di paragone, strumento di analisi con prove e passpartout alla conoscenza dei sedimenti del vero potere sotterraneo che tiene parzialmente in pugno Repubblica e i tre poteri dello Stato, proprio in quanto il magistrato noto e stimato fu attenzionato e "diagnosticato" sin dal 1992 come un pericoloso potenziale "successore" troppo capace, indipendendente e rigoroso per non essere fermato, accerchiato, gestito ed infine ( a scoperte avvenute) sottoposto al tentativo di distruzione più eccellente che sia a noi noto . Vengono "provati" e dettagliatamente analizzati tappe e strumenti di un apparato criminale che può essere fermato ora che sono individuati proprio i segmenti anche istituzionali e normativi che ha posizionato in un ventennio ed oltre di marcia sotterranea, e ne è plasticamente raffigurata già  una prima nomenclatura di vertice. La partita si gioca sensibilizzando le quote residue degli apparati legali e non deviati dello Stato e se così non fosse avremmo già perso in partenza,  combattendo contro un apparato illegale che ha assommato la forza dello Stato deviata, la forza scientifico-militare anche internazionale, la forza criminale della grande criminalità organizzata, la potenza degli apparati psichiatrico sociali magistratual-deviati costruiti sotterraneamente per venti anni e la potenza di  metodologie, tecniche e attività di controllo, manipolazione e attenzionamento  su vari piani,  frutto anche della “intelligence” internazionale, espandendosi e operando contro e dentro le istituzioni mentre tutti guardavano,  abbindolati, al gioco della politica visibile.